La tipa che piange nella vasca da bagno Stampa E-mail
Scritto da massi+   
luned́ 20 agosto 2007
Mi sento come lei mentre, in sella alla bici verde, percorro il lungo viale alberato desolato nei suoi parcheggi vuoti e reso fosco dall'aria di temporale che incombe.

amelandNoioso asfalto sotto le ruote al posto della sottile sabbia, nessuna traiettoria da studiare, nessuna avventura ad ogni pedalata. Niente cieli turchesi e nessun aquilone sopra la mia testa, solo pochi gabbiani sorvolano i miei pensieri; e dove prima erbe dorate svettavano al brillante sole delle coste del mare del nord, ora solo misere aiuole seccate da una estate al monossido di carbonio.
E a proposito di Carbonio, la fibra però, la bici gialla è ferma in manutenzione, se lo è meritata, la cavalcata nel fango della bassa marea di Schiermonnikoog è stata una prodezza che resterà tra me e lei.

bye, massi+ 

Ultimo aggiornamento ( luned́ 20 agosto 2007 )
 

[-]
[+]